Blog

Oggi in Commissione IV: Politiche per la salute e Politiche sociali si è svolta un'informativa dell’Assessorato Politiche per la salute sulle linee d’indirizzo per i regolamenti locali sulle Case Famiglia. 

Li trovate scaricabili a questo link: http://www.assemblea.emr.it/attivita/attivita-dalle-commissioni/commissione-iv/informative-e-audizioni-svolte-dalla-commissione-iv-x-legislatura

Feste medievali, spettacoli in costume, ricostruzioni di battaglie: un vero e proprio tuffo nel passato che la Regione ha deciso di sostenere con circa 300mila euro per far conoscere tradizioni e fatti che affondano nella storia delle comunità locali.

A tanto ammontano i contributi assegnati nel 2018 dalla Giunta regionale a 13 associazioni e enti locali per potenziare le manifestazioni storiche dell’Emilia-Romagna che ogni anno vedono la partecipazione di migliaia di persone.

Obiettivo del bando regionale è infatti valorizzare questi eventi dal punto di vista storico e sociale e sostenere la loro organizzazione come strumenti di promozione e sviluppo del territorio. Tra i diversi criteri di assegnazione dei contributi, la capacità di attrazione turistica e il coinvolgimento dei giovani come protagonisti delle manifestazioni e della loro organizzazione.

Sono manifestazioni che tengono viva la memoria e le tradizioni di una terra ricca di storia e contribuiscono a rinforzare un turismo culturale di qualità. Per questo a un anno dall’approvazione della legge regionale sulle rievocazioni storiche abbiamo raddoppiato le risorse a disposizione di associazioni e enti locali e già oggi alcuni eventi, come il palio di Ferrara o quelli del Niballo e del Daino in Romagna, registrano numeri sempre più interessanti dal punto di vista delle presenze turistiche. Queste manifestazioni siano un’occasione molto importante, in particolare per i centri più piccoli, per farsi conoscere, diventare più attrattivi e ampliare l’offerta per i turisti che vengono in Emilia-Romagna da tutto il mondo.

Nella provincia di Forlì-Cesena all’Ente Palio di Santa Reparata e della Romagna Toscana a Castrocaro Terme sono andati 15.745 euro per realizzare il Palio locale, che ricorda l'insediamento del Commissario granducale di Firenze nel 1579, invece 9.600 euro sono il contributo regionale all’associazione polisportiva Rocca delle Caminate di Predappio per l’organizzazione di “Falchi ed archi” che ricorda la battaglia svolta nel 1494 con gare di tiro con l'arco e spettacoli di falconeria.

E’ ormai iniziato l’anno scolastico e ancora non si è fatta chiarezza sulla questione dei vaccini.

Ogni giorno la Ministra della Salute Grillo cambia le carte in tavola mandando in subbuglio addetti ai lavori del sistema scolastico, operatori sanitari e genitori.

L’ultima novità è quella di mantenere l’obbligo dei vaccini per il morbillo ma non per l’esavalente. Prevenire il morbillo è importante ma perché non si devono prevenire tutte le altre malattie infettive? Spero non serva una nuova epidemia per attivarsi!!

E’ giusto che ci sia libertà di scelta ma questa libertà non deve trasformarsi in irresponsabilità.

Il Ministro della Salute dovrebbe raccogliere le istanze dei cittadini, fare sintesi e poi indicare una linea chiara da seguire e non lasciare le famiglie allo sbando e le istituzioni nell'impossibilità di far fronte alle nuove norme.

In allegato Le dichiarazioni dell'Assessore regionale Sergio Venturi

Nuovi interventi di ristrutturazione, miglioramento sismico, adeguamento antincendio ed efficientamento energetico in 50 scuole dell’Emilia-Romagna grazie ad un investimento di quasi 10 milioni di euro approvato dalla Regione. Le risorse arriveranno anche alla Scuola materna " Il Pettirosso" di Fiumana e all’Istituto Alberghiero P. Artusi di Forlimpopoli.

Avere edifici scolastici di qualità, moderni, sicuri e confortevoli, è per noi una priorità. La messa in sicurezza ed il miglioramento sismico sono alla base del piano regionale di edilizia scolastica. Arriveranno 900.423,21 euro rispettivamente nel comune di Predappio e a Forlimpopoli, sono risorse importanti che valorizzeranno al meglio gli spazi fruiti dagli studenti. La Regione continuerà ad investire nelle scuole fino all’ultimo giorno del mandato, per dare a ragazzi e insegnanti la possibilità di studiare e lavorare in spazi sempre più belli e sicuri.

Anche grazie a stanziamenti del ministero dell’Istruzione, complessivamente, dal 2015 in poi e compresi quelli del Piano regionale, sono stati programmati sulle scuole dell’Emilia-Romagna oltre 550 interventi sul patrimonio di edilizia scolastica, per un investimento di oltre 300 milioni di euro.

Intervista sul Resto del Carlino: I vaccini non solo un obbligo ma anche un dovere civico che abbiamo, per il rispetto della salute dei nostri figli e nipoti!